Info Fonti del Clitunno

Indirizzo

Via Flaminia 7

Telefono

0743/521141

Email

parcostorico@fontidelclitunno.it

Sito web

www.fontidelclitunno.it

Social

Orari e biglietti

Orari

Dal 1 gennaio al 28 febbraio:
10:00 - 13:00 / 14:00 - 16:30
Dal 1 marzo al 15 marzo:
09:00 - 13:00 / 14:00 - 18:00
Dal 16 marzo al 31 marzo:
09:00 - 13:00 / 14:00 - 18:00
Dal 1 aprile al 15 aprile:
09:00 - 19:30
Dal 16 aprile al 30 aprile:
09:00 - 20:00
Dal 1 maggio al 31 agosto:
8:30 - 20:00
Dal 1 settembre al 15 settembre:
8:30 - 19:30
Dal 16 settembre al 30 settembre:
9:00 - 19:00
Dal 1 ottobre al 1 novembre:
9:00 - 13:00 / 14:00 - 18:00
Dal 2 novembre al 31 dicembre:
10:00 - 13:00 / 14:00: 16:30

All'interno del Parco è vietato consumare cibi e bevande.

Biglietti

Intero: € 3
Ridotto: € 2 (gruppi superiori alle 15 persone)
Gruppi di studenti sotto i 10 anni: € 1
Gratis i bambini sotto i 10 anni accompagnati dai genitori / portatori di handicap e il loro accompagnatore.



Il parco

Le Fonti del Clitunno si estendono su una superficie di quasi 10.000 mq lungo la via Flaminia fra Spoleto e Foligno, nel comune di Campello sul Clitunno.

Il loro aspetto suggestivo, con il laghetto popolato di nasturzi acquatici, nontiscordardimé della palude, cigni e anatre, e con la miriade di colori dei salici e dei pioppi cipressini che si riflettono nel limpido specchio d'acqua, ispirò fin dall'antichità pittori, poeti e scrittori, come Plinio il Giovane, Virgilio, Corot, Byron e Giosuè Carducci, il quale le consacrò nella sua celebre ode. A ricordo della visita del poeta avvenuta nel 1910, vi è una stele marmorea scolpita a bassorilievo da Leonardo Bistolfi, accompagnata da un'epigrafe di Ugo Ojetti.

Le Fonti del Clitunno sono alimentate da sorgenti sotterranee che sgorgano da fenditure nella roccia che con la loro copiosità anticamente formavano un fiume navigabile fino a Roma, lungo le cui sponde sorgevano sacelli, ville e terme.

Considerate sacre dai Romani che qui venivano a consultare l'oracolo del dio Clitunno e a svolgere riti religiosi, come testimonia la presenza più a valle del Tempietto di Clitunno (poi trasformato in una chiesetta paleocristiana dedicata a S. Salvatore che conserva antichi affreschi), molte vene delle acque del fiume furono disperse in seguito al grande terremoto del 440 d.C. Regolate poi facendole passare al di sotto del Marraggia, le Fonti assunsero il loro aspetto attuale nella seconda metà dell'Ottocento per opera del conte Paolo Campello della Spina.

La visita di questo luogo incantato è breve, ma costituisce una tappa piacevole e rilassante in quello che può essere anche considerato un parco storico e letterario; nelle vicinanze è inoltre presente un ristorante dove è possibile degustare prodotti tipici della cucina umbra.
A cura della Redazione di ItaliaParchi.it
Vietata la riproduzione. Si prega di segnalare a info@italiaparchi.it eventuali variazioni, errori o inesattezze.

Copyright © 2019 by GajaLab P.Iva 06559541005 - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia dei contenuti  non autorizzata