Clicca Mi piace per rimanere in contatto anche nei social

Novità 
News dai parchi
CASTELLI E VILLE

Il suono di Liszt a Villa d'Este

Torna la rassegna musicale dedicata al celebre compositore

Redazione ItaliaParchi.it
mercoledì 15 gennaio 2014
1172
5:00
92121
Villa d'Este, Sala del Trono, ore 11,15
Biglietto spettacolo: Euro 10,00 - Ridotto (minori di 25 anni): Euro 5,00
(per visitare anche la Villa è necessario munirsi del biglietto d'ingresso)


Inverno sotto l’insegna della buona musica a Villa d’Este. Torna infatti la rassegna musicale Il "suono" di Liszt a Villa d'Este, la manifestazione organizzata per la prima volta in occasione del Bicentenario della nascita di Franz Liszt (2011).

Otto concerti-matinée, da dicembre fino a marzo, animeranno le corrispondenti domeniche mattina in Villa, consentendo l’ampliamento dell’offerta culturale diretta sia ai visitatori del complesso monumentale che agli amanti della musica, che potranno ritrovarsi nella Sala del Trono per apprezzare appieno il connubio tra le diverse forme di arte e, per chi non conosce il giardino estense, un ulteriore motivo per visitare il sito, patrimonio mondiale dell’Unesco.

Una occasione per celebrare anche altri due importanti bicentenari: quelli della nascita di Richard Wagner (22/5/1813-13/2/1883) e di Giuseppe Verdi (10/10/1813-27/1/1901), due autori appartenenti al mondo dell’opera lirica ma che hanno posseduto ed usato lo stesso pianoforte Erard che era stato il movente, e la nota distintiva, della prima rassegna dedicata a Liszt. Sebbene per pianoforte sia Wagner che Verdi abbiano composto poco, da questo strumento, e dal “suono” dell’Erard in particolare, entrambi trassero l’ispirazione non solo per creare melodie ed armonie, ma anche per immaginare gli effetti dell’orchestrazione che andavano impostando. Per Wagner il suono dell’Erard fu fondamentale nello stimolare la composizione di un’opera di capitale importanza, nella sua produzione e nella stessa storia della musica, come il “Tristano e Isotta” (ma lo utilizzò anche per le successive), mentre Verdi da un certo momento in poi – che corrisponde grosso modo con l’inizio della composizione di “Aida” – divenne un sincero e profondo estimatore dell’Erard, tanto da utilizzare solo quel tipo di pianoforte: ne ebbe ben due di proprietà, nelle due dimore di Genova e S. Agata in cui alternava il soggiorno nel corso dell’anno, e un terzo se lo fece procurare in uso gratuito per i lunghi periodi di vacanza e cura che trascorreva annualmente alle Terme di Montecatini. Da queste osservazioni nasce il titolo di questa II edizione:

Tre grandi un unico pianoforte: Liszt, Verdi, Wagner e il suono dell’Erard

In “Tutto Verdi-Liszt”, che ci propone Gesualdo Coggi per il 26 gennaio, abbiamo la rara opportunità di ascoltare in un unico concerto tutte le trascrizioni, parafrasi e fantasie di Liszt sulle opere di Giuseppe Verdi. Ci è sembrata questa la sede più opportuna per proporre un simile programma: un omaggio a Verdi nel bicentenario della nascita citando un buon numero di suoi capolavori, resi magistralmente pianistici attraverso la rielaborazione di Liszt, e per di più sullo stesso tipo di pianoforte che lo stesso Liszt ha usato per tutta la sua carriera di virtuoso ma che era anche il tipo di pianoforte che Verdi elesse a suo strumento preferito, da quando ebbe modo di conoscerne a fondo le qualità sonore.

Il concerto del 16 febbraio “Solo Wagner-Liszt”, affidato a Michelangelo Carbonara, fa da contrappeso al precedente dedicato tutto a Verdi: la differenza del titolo sta nel fatto che, mentre nel caso di Verdi tutte le rielaborazioni lisztiane possono essere comprese in un unico concerto di durata ancora accettabile, quelle su Wagner sono troppo numerose per poter essere eseguite integralmente in un'unica manifestazione.

Nel programma che ci propone Vanessa Benelli Mosell, per il suo concerto del 2 marzo “Da Chopin a Wagner a Liszt: peregrinando per l’Europa”, il tema dominante è il viaggio. Dopo un doveroso omaggio a Fryderyk Chopin, poeta del pianoforte e grande amico di Liszt, con l’integrale delle Ballate, le sue composizioni più originali e che danno da sole un quadro completo delle sua qualità di compositore, si svolge, in modo simbolico e virtuale, una sorta di viaggio – di “peregrinazione” per dirla alla Liszt – attraverso vari paesi dell’Europa.

Con l’ultimo concerto del 16 marzo, Alessandra Ammara ci conduce veramente a voltare pagina e, abbandonati Wagner e Verdi, cominciamo a pensare al futuro: “Verso una nuova ricorrenza : l’eredità di Liszt nella musica di Roffredo Caetani e del suo maestro Giovanni Sgambati (1841-1914) a cent’anni dalla scomparsa” prende lo spunto da un CD inciso dalla stessa Alessandra Ammara con musiche di Roffredo Caetani, compositore romano che lo stesso Liszt, amico del padre Principe Onorato Caetani, aveva tenuto a Battesimo e si dice gli abbia poi regalato il pianoforte Bechstein attualmente conservato a Ninfa (forse uno dei pianoforti che i vari costruttori regalavano a Liszt). Da Caetani a Sgambati il passo è breve e doveroso, in quanto non solo era stato suo maestro per consiglio dello stesso Liszt, ma perché nel 2014 ricorre il suo centenario ed anch’egli è stato proprietario, guarda caso, di un Erard gran coda: il n. 93799 del 1908, sostanzialmente uguale a questo ed ora conservato, ma non ancora esposto, nel Museo degli Strumenti Musicali di Roma.

Comunicato stampa Villa d'Este


Ti potrebbe anche interessare

Commenta

Copyright© 2012-2017 ItaliaParchi.it - P. Iva 06559541005 - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia dei contenuti, anche parziale, non autorizzata