Italia Parchi - il portale dedicato a tutti i parchi italiani

Giardino di Ninfa

Il Monumento Naturale della provincia di Latina

217E1EF7493C575B416C519EDD1DAD4B.jpg1CDF110F3FAC3C71E115294336CAA66C.jpg9A329293867EBFEFD3F07E6DFA469FDF.jpgEB8AB5FE80D6BA9217C4098983281BF0.jpg4D9D17FA9CBA5C4C3643487F4900A015.jpg5A28E7170A4C51DCE7AEB8F588C49F3E.jpgFE96FEB7CE5358F56CE76336922D975B.jpgE25B0232D12851CCB551E87AD4E77B8F.jpg78AC389236271E00D0413DB8A70E5567.jpg34E719B7CFBCB3F5C8932F45F01A9565.jpgA5F6C9E7F529BD8FD7914A420EC6D5C2.jpg160454DB0786A6D0DB81D3CD5EF8654E.jpg
Il Giardino di Ninfa si estende su una superficie di circa 8 ettari nel Comune di Cisterna di Latina, al confine con Norma e Sermoneta, ed è uno splendido giardino all'inglese dall'aspetto romantico realizzato da Gelasio Caetani nel 1921.

Il suo nome deriva da un tempietto di epoca romana dedicato alle Ninfe Naiadi che si trova su un isolotto del piccolo lago. Il giardino è infatti attraversato da molti corsi d'acqua, dai ruscelli al fiume Ninfa, e sorge sui resti dell'antica cittadina medievale che ne sono divenuti parte integrante.

Ninfa, più volte distrutta e ricostruita, fu contesa per anni fra la famiglia Borgia ed i Caetani. Solo alla fine dell'Ottocento questi ultimi tornarono in possesso dei territori della zona, e ai primi del secolo successivo Galasio Gaetani bonificò i terreni e restaurò alcuni ruderi per farne una residenza estiva, come il palazzo baronale, oggi sede degli Uffici della Fondazione Roffredo Caetani.

A quest'epoca risalgono i lavori di costruzione del giardino con l'importazione di molte specie botaniche. Verso il 1930, grazie alla sensibilità di Marguerite Chapin e poi della figlia Lelia, il giardino acquistò il fascino informale e spontaneo che lo caratterizza oggi, con la presenza di 1300 specie vegetali, dai meli ornamentali all'agrifoglio, dagli aceri giapponesi ai ciliegi e le magnolie, dalle tante varietà di rose ai glicini, le ortensie e gli splendidi bambù.

Fonte di ispirazione per tanti celebri artisti, come Virginia Woolf, Capote, D'Annunzio e Ungaretti, il Giardino di Ninfa nel 2000 è stato dichiarato Monumento Naturale dalla Regione Lazio ed è visitabile solo in alcuni periodi dell'anno per preservarne il delicato equilibrio ambientale.

La visita guidata dura un'ora circa con partenza ogni 10 minuti e al suo termine non è possibile trattenersi nel Giardino, ma è possibile visitare l'hortus conclusus, un giardinetto all'italiana risalente al XVII secolo, dall'impianto regolare, caratterizzato da un agrumeto e vasche con cigni.

All'interno del Parco inoltre non è possibile pranzare al sacco o fare un pic-nic, ma nelle sue vicinanze si trovano bar o agriturismi.
Il periodo migliore per la visita, che può essere abbinata a quella al Castello Caetani di Sermoneta, è nei mesi di aprile e maggio in cui il Giardino, con le sue magnifiche fioriture, è al suo massimo splendore.

Aperto dal 27 marzo al 6 novembre 2016 il primo sabato e domenica del mese e i festivi.
Ad aprile e maggio aperto tutte le domeniche. Chiuso sabato 5 novembre.
Orari: la mattina dalle 9:00 alle 12:00, il pomeriggio dalle 14:30 alle 18:00 da marzo a giugno, dalle 15:00 alle 18:30 da luglio a settembre, e dalle 14:30 alle 16:00 ad ottobre e novembre.

Tariffe
Intero: € 12 (più € 0,50 di prevendita online)
Gratis i minori di 11 anni e i diversamente abili
Sconti per Gruppi e Scuole

Hortus Conclusus (facoltativo): € 2

La visita è guidata con partenza ogni 10 minuti. 
Da quest'anno è obbligatorio l'acquisto online
Indirizzo:
Via Provinciale Ninfina, 68
04012 Cisterna di Latina (LT)

In auto:
Da Roma: Strada Regionale Pontina (SR148) direzione Latina Uscita Borgo Sabotino / Lido di Latina. Proseguire in direzione Cisterna, superare la prima rotonda e, alla seconda, seguire le indicazioni per la Via Appia (SS7). All'incrocio con la Via Appia proseguire dritto seguendo le indicazioni per Ninfa, Norma, Bassiano. Superare la rotonda di Doganella di Ninfa e seguire le indicazioni per Ninfa. Dopo circa 4 km sul lato destro c'è il parcheggio e l'ingresso del Giardino.

Da Napoli:
Autostrada A1 Uscita Frosinone. Seguire le indicazioni per Latina (SR156 - Via dei Monti Lepini) e proseguire dritto fino ad incrociare la Via Appia (SS7). Svoltare a destra direzione Roma e proseguire dritto per 18 km circa, superando due incroci con semaforo ed una rotonda. Al km 57,600 svoltare a destra seguendo le indicazioni per Ninfa, Norma, Bassiano. Superare la rotonda di Doganella di Ninfa e seguire le indicazioni per Ninfa. Dopo circa 4 km sul lato destro c'è il parcheggio e l'ingresso del Giardino.
La fioritura dei ciliegiLa fioritura dei ciliegi
Rovine e GiardinoRovine e Giardino
Panoramica del GiardinoPanoramica del Giardino
L'OasiL'Oasi
Video aereo da droneVideo aereo da drone
Il giardino degli incantiIl giardino degli incanti
Parco più bello d'Italia 2015Parco più bello d'Italia 2015
Prima di usufruire delle informazioni di questa pagina, l'utilizzatore è tenuto a verificarle attraverso il sito o i canali ufficiali del parco. 
ItaliaParchi.it non si ritiene responsabile per eventuali errori, omissioni o cambi di programma.
Per qualsiasi tipo di segnalazione contattateci all'indirizzo email segnalazioni@italiaparchi.it