Italia Parchi - il portale dedicato a tutti i parchi italiani
Sei in Parchi di arte e storiaParco archeologico della necropoli di Fossa

Parco archeologico della necropoli di Fossa

Il più importante sito protostorico dell'Abruzzo

5B35A0F559769CA9E8B24631E1CF6BE2.jpg984AE838D8F5EC56EC669D6DFBCDB773.jpg784BDAA06197C7B307C907E1358FD97C.jpgA0F565E14BAA1C27D2B67EFE77343E16.jpg4A4D345D7E7FD62289E296572CB9AD09.jpgFBC599E4C2BD5B1DF82F1D9177140B12.jpg41F181385FC034A6D103E58E2EF85534.jpg993D2BA4A6B15537A3E4E3BBF94918CE.jpgF354A911147111C45779C593B7C9B838.jpg095747212DE45AB8084E4F6DD0138C91.jpg31B2C296DBC12DD55322D2A51BA6173C.jpg511ED6F3B0B0FF252FFD70D79854D105.jpg
Scoperta nel 1992 nel cuore dell'antico territorio dei Vestini, lungo le sponde del fiume Aterno, la necropoli di Fossa è un monumentale sito archeologico di notevole rilevanza storica poichè fu utilizzata come luogo di sepoltura per quasi un millenio. 

I tumuli riportati alla luce coprono un'area di circa 2.000 mq e presentano caratteristiche diverse a seconda dell'epoca a cui appartengono. Le tombe più antiche risalgono alla prima Età del Ferro (XI-VIII secolo a.C.), mentre le più recenti alla fine dell'età romano-ellenistica.

La particolarità più conosciuta del sito, detto "piccola Stonehenge" dell'Abruzzo, sono i tumuli maschili circondati da menhir di altezza decrescente, il cui significato è tuttora oggetto di studio. Molti gli oggetti di uso quotidiano ritrovati nel corredo funebre, come rasoi in bronzo di forma rettangolare ed armi in ferro, che testimoniano la credenza in un aldilà in cui il defunto ne avrebbe avuto di nuovo bisogno. Nelle tombe femminili invece, prive di menhir, sono stati rinvenuti preziosi ornamenti in ambra, ferro e pasta vitrea.

Nel periodo orientalizzante (VIII-VII secolo a.C.) le tombe diventano meno imponenti, ed ancora più modeste in età arcaica, durante la quale vengono scavate semplici fosse nel terreno prive di tumulo.
Solo in età ellenistico-romana (IV-I secolo a.C.) si tornerà ad una ritrovata monumentalità con le tombe a camera in muratura, con dromos di accesso e preziosi letti funebri rivestiti in osso e avorio splendidamente scolpiti. Il più celebre è quello della tomba n° 520 con intagli che raffigurano divinità come Dioniso, Menadi ed Ercole.

Il Parco offre un percorso didattico su passerelle con cartelli esplicativi ed immagini degli scavi per una visita della durata media di 30 minuti.
Aperto il fine settimana da giugno ad ottobre dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:30 alle 19:00.
Fuori calendario apertura su prenotazione per gruppi di almeno 20 persone.

Tariffe
Intero: € 3
Ridotto: € 1,50
(ragazzi fino a 18 anni e over 65)
Scolaresche: € 1
La necropoli è visitabile anche insieme alle vicine Grotte di Stiffe con un un unico biglietto.
Indirizzo:
Via Arco Bonanni, 2
67040 Fossa (AQ)

In auto:
A24 RM-TE Uscita L'Aquila Est, proseguire lungo la SS 17 direzione Bazzano-Monticchio-Fossa.
Da Napoli: A1 NA-RM Uscita Caianello, seguire indicazioni per Castel di Sangro-Roccaraso-Sulmona-L'Aquila-Bazzano-Monticchio-Fossa.
DescrizioneDescrizione
Letto in ossoLetto in osso
La città dei mortiLa città dei morti
Prima di usufruire delle informazioni di questa pagina, l'utilizzatore è tenuto a verificarle attraverso il sito o i canali ufficiali del parco. 
ItaliaParchi.it non si ritiene responsabile per eventuali errori, omissioni o cambi di programma.
Per qualsiasi tipo di segnalazione contattateci all'indirizzo email segnalazioni@italiaparchi.it