Italia Parchi - il portale dedicato a tutti i parchi italiani
Sei in Castelli e villeCastello di Saint-Pierre

Castello di Saint-Pierre

Sede del Museo Regionale di Scienze Naturali

165369-800x600-500x375.jpg13841959.jpgmobsalone.JPGscalinata.JPGsala1b_b.jpgsala2_b.jpguccelli_b.jpginsetti_b.jpgsala6_b.jpgnuovo_museo_1b.jpgSaint-Pierre1.jpgAOSTA030.jpg
Il Castello di Saint-Pierre, situato a Tache, ad 8 Km da Aosta, è uno dei più antichi della regione e si erge su un promontorio roccioso che domina l'omonimo borgo.

Costruito verso il 1000 e già menzionato in un documento del 1191, il Castello deve il suo nome ai suoi primi proprietari i De Sancto Petro ed ha subito nel tempo varie trasformazioni con aggiunta di corpi, parallele al susseguirsi delle diverse signorie che lo occuparono,(i Quarti, i Savoia, gli Challant), fino al XVII secolo in cui divenne proprietà di Pierre-Léonard Roncas che lo trasformò in una sontuosa dimora.

Nel 1873 subentra il barone Emanuele Bollati che apporta gli ultimi restauri affidandoli all'architetto Camillo Boggio, il quale dona al maniero il suo odierno aspetto fiabesco aggiungendo quattro torrette decorative circolari agli angoli del Mastio centrale a pianta quadrata. Le torrette sono collegate fra loro da un camminamento sorretto da una serie di archetti ed il lato sud del maniero presenta un piccolo cortile circondato da cinta merlate.

Il Castello è oggi di proprietà del Comune di Saint-Pierre e dal 1985 ospita il Museo Regionale di Scienze Naturali.

Il Museo si articola in 9 Sale che illustrano l'ambiente naturale valdostano nei suoi molteplici aspetti.
La prima Sala, anticamente scuderia del Castello, ospita la biglietteria ed è dedicata alla mineralogia e alla geologia. Le altre sono dedicate agli aspetti climatici e glaciologici della Valle d'Aosta, alla flora e alla fauna della regione con alcuni esemplari impagliati di orso, gatto selvatico, lupo e gipeto ed una collezione osteololgica del Parco Nazionale del Gran Paradiso (camosci, stambecchi).

Da segnalare la cosiddetta "Sala del Trono" con un grande camino in pietra sormontato dallo stemma di Saint-Pierre ed arredi d'epoca.

Il Castello di Saint-Pierre è dal 2008 oggetto di un importante processo di riqualificazione con il duplice obiettivo di valorizzare il bene architettonico e rinnovare l’esposizione museale. Il nuovo museo sarà improntato sull’interattività, sull’esperienza e sulla tecnologia, per valorizzare le collezioni e raccontare a diverse categorie di pubblico la storia naturale della Valle d'Aosta, la sua ricchezza biologica e ambientale.

Il Museo Regionale di Scienze Naturali, che si è anche arricchito di una nuova struttura operativa, il Centro di Ricerca scientifico-naturalistica del Marais, dispone di parcheggio ed organizza attività didattiche ed eventi.
Attualmente il Castello di Saint-Pierre è chiuso al pubblico per consentire lo svolgimento di importanti lavori di restauro ed un completo riallestimento museale.

In attesa dell’ultimazione dei lavori tutte le collezioni esposte al Museo (ben 22.000 reperti naturalistici, una biblioteca scientifica di 3.000 volumi, oltre agli arredi) sono oggi ospitate nel Centro di ricerca scientifico-naturalistica del Marais, nuova sede operativa del Museo.

I lavori sono in pieno svolgimento pertanto l’appuntamento è rimandato all’apertura del Nuovo Museo!
Indirizzo:
Museo Regionale di Scienze Naturali
Loc. Tache - Castello di Saint-Pierre
11010 Saint-Pierre (AO)

In auto:
-dall’autostrada A5: Uscita Aosta-Ovest e Strada statale n. 26 direzione Saint-Pierre per circa 3 chilometri;
-da Aosta: superare il paese di Sarre percorrendo la Strada statale n. 26 procedendo in direzione di Courmayeur finché non si scorge il castello sito sulla destra;
-da Courmayeur: superare l’abitato di Villeneuve. Il castello si trova sulla sinistra.
EsternoEsterno
PresentazionePresentazione
Prima di usufruire delle informazioni di questa pagina, l'utilizzatore è tenuto a verificarle attraverso il sito o i canali ufficiali del parco. 
ItaliaParchi.it non si ritiene responsabile per eventuali errori, omissioni o cambi di programma.
Per qualsiasi tipo di segnalazione contattateci all'indirizzo email segnalazioni@italiaparchi.it