Italia Parchi - il portale dedicato a tutti i parchi italiani
Sei in Castelli e villeCastello di Racconigi

Castello di Racconigi

Una delle più belle residenze sabaude piemontesi

C930948D49A17EFE7DD80792DFA89340.jpgDE80EBA070E02D435174AA10BE0E3C31.jpg28C144BD6AB445DA63C8A69837985D5E.jpgA5E83FB43374A0B5449FB54EEE880326.jpgE7035B8A91837291208D8F12933B17CB.jpgFA79A9203B0772D83A0132620C187919.jpgF519C2F6775F8FEB6E97103B9504F70D.jpgE7FFDAA8FDBDEFA09A7046724D5E4125.jpg6DA31F0485CED964C2CCC16C8C0658E2.jpgFDEDFF8E10BDE5C195D13D0DA22A38BC.jpgF2C647C4A73CD9352BC0A5F61A4CAA2A.jpg33689779E21B0D17692EBEE43918DAA8.jpg
Il Castello di Racconigi, situato nell'omonima località a pochi chilometri da Torino, dopo essere stato per secoli la dimora di principi e re, è oggi un Museo-Residenza aperto al pubblico e fa parte del circuito delle Residenze Sabaude del Piemonte.

Nato come fortezza agli inizi del XIII secolo per volere dei marchesi di Saluzzo, antica famiglia nobile cuneese, nel Cinquecento il Castello entra a far parte dei possedimenti sabaudi e nel 1620 diviene proprietà di Tommaso Francesco di Savoia, figlio del Duca Carlo Emanuele I.

L'architetto Guarino Guarini viene incaricato dell'ampliamento e della ristrutturazione dell'edificio per trasformarlo in un'elegante dimora. A questo periodo risalgono la realizzazione della splendida facciata nord e l'innalzamento del corpo centrale con tetto a pagoda, mentre nel Settecento Ludovico Luigi Vittorio di Carmignano fa arricchire gli interni con decori neoclassici e stucchi.

Dopo un periodo di decadenza, il Castello ritorna al suo splendore nell'Ottocento con Carlo Alberto, re di Sardegna  e principe di Carmignano, che si avvale della collaborazione dell'ingegnere Ernesto Melano e dell'architetto Pelagio Palagi.

Al primo piano, o piano nobile, ci sono le sontuose sale di rappresentanza con arredi d'epoca e pregevoli decorazioni, dalla Sala del Biliardo, con il prezioso tavolo disegnato da Palagi sorretto da possenti leoni in bronzo alla Galleria di Eolo, cosiddetta per le scene omeriche dipinte sul soffitto da Carlo Bellosio che raffigurano Ulisse e il dio dei venti; da qui si accede alla Cappella con due sculture ottocentesche, fra le quali la Dama Velata di Raffaele Monti.

Particolarmente interessanti il Gabinetto etrusco, salottino privato del re, e la Sala del Ricevimento, con il lampadario in cristallo di Boemia, i mobili dorati e le tappezzerie di damasco giallo. Pregevoli anche la Sala d'Ercole, la Sala della Musica, con il magnifico pianoforte Bechstein, la Sala del Mappamondo, la Galleria dei Ritratti, raccolta iconografica dei personaggi di casa Savoia, e le Sale cinesi della metà del Settecento, con tappezzerie in carta di riso e porcellane antiche.

Nella Camera da letto della regina Maria Adelaide, accanto al letto in ferro battuto di F. Cambiaggio, è inoltre possibile ammirare la splendida culla ottocentesca utilizzata per Umberto I.
Le camera situate al secondo piano, riservate ai momenti privati dei reali, sono meno sfarzose e più intime, mentre i sotterranei sono occupati dalle Cucine, impressionanti per la vastità degli ambienti.

Il Castello è circondato da uno splendido parco storico progettato dall'architetto della Reggia di Versailles André le Notre nel XVII secolo. Il suo aspetto attuale con il lago, la Margaria (cascina neogotica), i sentieri che si inoltrano fra prati e boschetti di aceri, carpini e ciliegi, i ponticelli, le grotte e le serre, è lo stesso datogli nell'Ottocento dal giardiniere tedesco Xavier Kurten.

Il Castello di Racconigi dispone di una caffetteria e di un servizio di carrozze e cavalli, ed ospita importanti eventi, come mostre, spettacoli e concerti. Aperture serali straordinarie nel mese di maggio.
Aperto tutto l'anno: da novembre a marzo, il mercoledì e dal venerdì alla domenica dalle 9:00 alle 19:00;
da aprile a fine ottobre dal martedì alla domenica.

Il castello e il parco restano aperti il lunedì di Pasqua e, per la festa del santo patrono, il lunedì dopo la terza domenica di settembre. In questi due casi la chiusura settimanale del lunedì viene posposta al martedì che segue.

Tariffe
Intero: € 5
Ridotto: € 2,50
(ragazzi dai 18 ai 25 anni)
Gratis i cittadini dell'UE di età inferiore ai 18 anni, gli studenti delle facoltà di Architettura, Lettere e Filosofia, e i titolari della Tessera Musei Piemonte.

Ingresso gratuito per tutti ogni prima domenica del mese.

L'accesso al Castello è regolato da visite accompagnate in gruppi di massimo 25 persone.
Dal martedì al venerdì la visita avviene con partenze ad orari stabiliti: 9:00, 10:30, 12:00, 14:00, 15:30, 17:00, 18:00.
Il sabato e la domenica gli orari di partenza delle visite sono intensificati in relazione all’affluenza del pubblico.

Il Parco è aperto dall'ultimo fine settimana di marzo all'ultimo di ottobre dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 19:00 (le 18:00 con l'ora solare).
Intero: € 2
Ridotto: € 1
Gratis
i cittadini UE al di sotto dei 18 anni, i docenti e studenti delle facoltà di Architettura, Lettere e Filosofia, e i titolari della Tessera Musei Piemonte - Torino.
Indirizzo:
Via Francesco Morosini, 3
12035 Racconigi (CN)

In auto:
Autostrada A6 Uscita Carmagnola, proseguire poi per Racconigi.
CartolinaCartolina
Il ParcoIl Parco
Le SaleLe Sale
Il CastelloIl Castello
Il Castello e il ParcoIl Castello e il Parco
Il Parco StoricoIl Parco Storico
Gabinetto etruscoGabinetto etrusco
Sala del BiliardoSala del Biliardo
CappellaCappella
Sala del ricevimentoSala del ricevimento
Salone d'ErcoleSalone d'Ercole
CucineCucine
Sale cinesiSale cinesi
Sala di DianaSala di Diana
Camera da letto della regina Maria AdelaideCamera da letto della regina Maria Adelaide
Sala della MusicaSala della Musica
Sala del MappamondoSala del Mappamondo
Camera da letto del reCamera da letto del re
Prima di usufruire delle informazioni di questa pagina, l'utilizzatore è tenuto a verificarle attraverso il sito o i canali ufficiali del parco. 
ItaliaParchi.it non si ritiene responsabile per eventuali errori, omissioni o cambi di programma.
Per qualsiasi tipo di segnalazione contattateci all'indirizzo email segnalazioni@italiaparchi.it