Italia Parchi - il portale dedicato a tutti i parchi italiani
Sei in Castelli e villeCastello di Issogne

Castello di Issogne

L'elegante e raffinata dimora tardogotica degli Challant

3448C48C3E76D3BDAC82193498556894.jpg913B2CE3868B2FF48C8337610EE1BBDB.jpg94C0DCBE3C4BDAE48D0514289B133046.jpg4897BA4FC72EF7075A07E02BD6944783.jpg370C9A8E4D4C996D0B3D600F4E2750FE.jpg1294042C0ECC626E3EFCD678CDB7383C.jpgEBFE22FCBF176607F3E917AD97D860C0.jpg6529C0E1FE1D8FB724A8A4293ACD453A.jpg13C4602F62DCFDDFBA00D64EAA0D5249.jpg235509FBBC0F53E9D32F429719863CBC.jpgD77B3A95F41D8B42BECB969515A710B4.jpg4A688BFAF3B14DC71E6437F1C843D6B2.jpg
Sede vescovile fino al 1379, il Castello di Issogne, situato nell'omonimo centro abitato, fu poi affidato a Ibleto di Challant che ne iniziò la trasformazione in elegante dimora in stile gotico-cortese.

Il Castello, passato a Francesco, erede della famiglia, appartenne agli Challant per secoli, ma fu soprattutto alla fine del Quattrocento e gli inizi del Cinquecento che raggiunse il suo massimo splendore con ampliamenti e collegamenti dei vari edifici a formare un unico corpo a ferro di cavallo con un ampio cortile aperto su un giardino all'italiana. Celebri le splendide lunette affrescate da Colin risalenti a questo periodo che si trovano sotto le volte del porticato e rappresentano scene di vita quotidiana nei mercati e nelle botteghe artigiane.

La visita guidata dura circa 30 minuti e si snoda lungo un percorso museale che coniuga le decorazioni e gli arredi di epoca tardogotica e l'allestimento in linea storicista voluto da Vittorio Avondo alla fine dell'Ottocento. Il pittore acquistò il Castello nel 1872 dopo il succedersi di vari proprietari (Madruzzo, Lenoncourt, Caterina Maurizia del Carretto di Balestrino) e lo donò poi allo Stato che lo cedette all'Amministrazione Regionale della Valle d'Aosta.

Il Castello di Issogne, a pianta quadrangolare con torri agli angoli è chiuso su tre lati, mentre il quarto è occupato da un ampio cortile che si apre su un giardino cintato da mura. Qui si trova la celebre fontana del melograno di forma ottagonale, donata da Giorgio di Challant a Filiberto per le sue nozze con Louise d'Aarberg nel 1502. L'albero in ferro battuto, con foglie di quercia e frutti di melograno, simboleggia l'antichità e la forza della famiglia unite alla fertilità.

Al piano terra ci sono la cucina divisa in due zone da una grande arcata e comunicante con la sala da pranzo, nell'allestimento ottocentesco, tramite il passa-piatti posto sotto la cappa di uno dei tre grandi camini presenti, e la Sala della Giustizia o Salle basse, principale ambiente di rappresentanza del Castello. Il camino in pietra con lo stemma degli Challant, il soffitto a travi lignee e gli affreschi che ricoprono le pareti attribuiti al maestro di Wuillerine, di scuola franco-fiamminga, il più importante dei quali è "Il giudizio di Paride", la rendono particolarmente interessante.

Una scala a chiocciola in pietra (viret) conduce al primo piano dove ci sono la cappella a cinque campate affrescata da Colin, con l'altare gotico in legno intagliato ed un trittico fiammingo; la Camera e l'Oratorio privato di Margherita de La Chambre il cui stemma è ancora visibile lungo il fregio superiore delle pareti, e la Sala d'Armi, una delle più suggestive del Castello con la collezione di armi ed armature di Vittorio Avondo.

Al secondo piano sono visitabili la camera di Giorgio di Challant detta "Camera di San Maurizio" dalle croci dell'ordine dei Cavalieri del Santo che decorano il soffitto; la Sala del re di Francia, riccamente decorata e con lo stemma dei tre gigli della corona francese sul camino, che ospitò Carlo VIII nel 1494; la Camera della Torre, utilizzata per le segnalazioni e situata nelle parte più antica del maniero, e la Camera della Contessina Isabella, un tempo chiamata "Chambre de l'Empereur" da Sigismondo di Lussemburgo che sembra vi abbia soggiornato nel 1414.

Il Castello di Issogne, splendido esempio di raffinata ed elegante dimora della fine del Quattrocento, non mancherà di affascinare i visitatori con i suoi suggestivi ambienti, la storia, ed i preziosi arredi originali o di fattura ottocentesca. Si organizzano inoltre interessanti eventi come concerti ed iniziative culturali.
Aperto tutto l'anno: dal 25 marzo al 30 settembre dalle 9:00 alle 19:00, dal 1° ottobre al 31 dicembre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00.
Chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio.

L'ingresso è consentito ad un massimo di 25 persone per ogni turno di visita (ogni mezz'ora).

Tariffe
Intero: € 5 
Ridotto: € 3,50
(gruppi di almeno 30 persone, militari in divisa e studenti universitari)
Gratis i minori di 18 anni, over 65, diversamente abili e tutte le scolaresche.
Indirizzo:
Piazza Castello
11020 Issogne

In auto:
Autostrada A5 Uscita Châtillon - Saint-Vincent, poi SS26 fino a Issogne.
Il CastelloIl Castello
ParticolariParticolari
I Castelli della Valle d'AostaI Castelli della Valle d'Aosta
PorticatoPorticato
LunettaLunetta
Fontana del MelogranoFontana del Melograno
GiardinoGiardino
Camera di Margherita de La ChambreCamera di Margherita de La Chambre
CappellaCappella
Sala della GiustiziaSala della Giustizia
Camera della ContessinaCamera della Contessina
Camera di Giorgio di ChallantCamera di Giorgio di Challant
PietàPietà
ViretViret
CucinaCucina
Prima di usufruire delle informazioni di questa pagina, l'utilizzatore è tenuto a verificarle attraverso il sito o i canali ufficiali del parco. 
ItaliaParchi.it non si ritiene responsabile per eventuali errori, omissioni o cambi di programma.
Per qualsiasi tipo di segnalazione contattateci all'indirizzo email segnalazioni@italiaparchi.it